Dentro la vita della stilista locale Priscilla Shunmugam

La moda è un affare difficile, ma la stilista dell'etichetta singaporiana Ong Shunmugam sta dando il meglio di sé



È una giornata torrida e la luce del sole fa capolino dalle grate di legno che rivestono le pareti di Wild Rocket @ Mount Emily. Ho il ristorante tutto per me e aspetto lo stilista Priscilla Shunmugam , che è in ritardo. Passano quindici minuti e comincio a preoccuparmi che abbiamo mescolato le nostre date. Le mando un messaggio WhatsApp per controllare.



Appena parcheggiato! arriva la sua rapida risposta e, due minuti dopo, si precipita dentro, scusandosi con un io, quindi non volevo arrivare in ritardo per questo.

Shunmugam, 36 anni, è il creatore dell'etichetta made-in-Singapore Shunmugam Bee , che prende il nome dai cognomi della madre cinese e del padre indiano. L'etichetta è stata lanciata sette anni fa ed è diventata una delle preferite dai tipi di eredità hipster, dalle donne della società e dalle mogli dei VIP che non si preoccupano di sborsare $ 1.000 per un abito fuori dal comune e altro ancora per pezzi su misura. I modelli sono una versione moderna dell'abito asiatico. Cheongsam sono dotati di giocosi dettagli peplo, top corti con ampie maniche a kimono e tute moderne sono realizzate in batik.



Un post condiviso da Ong Shunmugam (@ongshunmugam) il 1 ottobre 2017 alle 01:23 PDT

quanti biglietti arrivano in un rotolo di gratta e vinci

I suoi vestiti sono stati esposti al Museo Nazionale e nel 2015 è stata nominata Young Woman Achiever della sua rivista mondiale .

Shunmugam è il miglior portavoce della sua etichetta. Una taglia XS, sembra una modella di persona come nelle sue foto pubblicitarie. I suoi capelli sono lunghi e lucenti - Salon! esclama quando faccio notare cosa belle trecce lei ha - e lo stile che cade a cascata lungo la sua spalla sinistra. Indossa un abito bianco e nero di Love Letters, la sua ultima collezione. Il suo design contemporaneo è una deviazione dai suoi pezzi eclettici a tema asiatico. Lo abbina a delle sneakers Vans bianche. È amichevole, affascinante e con cui è facile riscaldarsi. Rivela di essere il modello più adatto del suo brand. Fondamentalmente, le sue sarte la usano come manichino per assicurarsi che la vestibilità e le taglie dell'etichetta siano coerenti.



È molto raro che il designer sia anche il modello adatto, ma è solo il modo in cui ha funzionato dall'inizio, dice. La sfida, aggiunge, è mantenere il suo telaio XS.

Mi chiedo se sia una di quelle che mangiano come un uccello tranne lei l'appetito è salutare . Opta per il menu a la carte e ottiene un'insalata di pomelo, ravioli di granchio con chiave inglese in brodo di laksa e gelato al cocco. Ottengo un set di tre portate di zuppa soto ayam, spaghetti di pesce salato e gelato al burro di arachidi. Ha scelto Wild Rocket perché è uno dei suoi ristoranti preferiti. È un luogo appropriato per incontrarsi perché, come i progetti di Shunmugam, il cibo del proprietario dello chef Willin Low significa dare un tocco moderno e sorprendente ai piatti tradizionali.

Alcuni dicono che Willin sia il mio fratello culinario, lei ride. Sono amici e Low esce dalla cucina per salutarli.



È stato un periodo frenetico per Shunmugam. La settimana dopo il nostro pranzo, si imbarca in un viaggio di lavoro di un mese a Londra, Parigi e New York per presentare la sua etichetta agli acquirenti dei negozi. È il suo primo tour in showroom e, incrociamo le dita, ci sarà interesse. Viaggerà con due staff e valigie contenenti i 25 look di la sua ultima collezione . Dal lancio del marchio, si è concentrata sul mercato di Singapore, con un'incursione a Kuala Lumpur. Sebbene abbia costruito un fedele seguito, il mercato è piccolo.

come chiamare papà il tuo ragazzo?

Siamo riusciti a farcela abbastanza bene, ma sette anni dopo i limiti del mercato diventano molto più evidenti. Ti rendi conto che Singapore è un mercato estremamente piccolo, dice.

Se vuoi iniziare a scalare, internazionalizzare, realizzare economie di scala, queste sono cose che questo mercato non può fornire.

Un post condiviso da Ong Shunmugam (@ongshunmugam) il 22 settembre 2017 alle 4:05 PDT

Mentre l'Asia rimane il suo obiettivo - ha intenzione di cercare Jakarta e Hong Kong dopo - è importante essere presenti nelle capitali occidentali della moda, dice. Non sarà facile e lei conosce fin troppo bene la storia a scacchi di Moda di Singapore Marche.

Ogni pochi anni, un designer o un marchio cresciuto in casa emerge e suona i titoli dei giornali. Ma le cose inevitabilmente vanno a sud. Mercato ridotto, affitti elevati, mancanza di scalabilità, concorrenza del fast fashion: tutto si sommano. Negli ultimi anni, marchi come Song + Kelly, alldressedup, Raoul e M) phosis sono scomparsi dalla scena. Lo accenno e lei sospira. Sono molto intimidita e scoraggiata, dice dopo una lunga pausa, suonando appesantita dalla sfida di dover rovesciare la storia.

L'industria della moda è cambiata così tanto ed è per questo che vedi tutti questi fallimenti, dice. Non è perché queste persone fossero necessariamente imprudenti o non intelligenti, ma solo perché il settore si è evoluto. È stato davvero molto, molto spietato e molte persone sono state lasciate per strada.

Mentre Ong Shunmugam sta andando forte, ha dovuto fare dei perni chiave per sopravvivere, dice con un altro sospiro. Mi sento come se non potessi abbassare la guardia. Voglio dire, non direi che la fine è vicina, ma sento che può accadere.

Ad esempio, è motivo di orgoglio che i suoi vestiti siano fatti a Singapore dai suoi quattro sarte nel suo atelier a Chip Bee Gardens in Holland Village. Producono due o tre pezzi al giorno. Sono ancora prodotti a Singapore ma, ad essere onesti, per il modo in cui stiamo crescendo, sarà difficile per noi mantenerlo. Anche tre delle sue sarte hanno 60 anni. So che ho solo pochi anni buoni con loro e quindi sarà un problema. Gli ultimi sette anni sono stati estenuanti e sembra piuttosto stanca. La maggior parte dei giorni, sopravvive con quattro ore di sonno. Ha uno staff di 11 persone e non solo progetta, ma fa anche di tutto, dai social media all'invio di comunicati stampa.

È nata a Kuala Lumpur, la più giovane di tre figlie. Racconta con gioia di come i suoi genitori si siano incontrati al campus dell'Università della Malesia a Kuala Lumpur, dove sua madre, Ong Poh Sim, era una segretaria e suo padre, Raja Shunmugam, era un impiegato della commissione d'esame. L'ha individuata a una fermata dell'autobus, è andato alla ricerca di dove lavorava e si è fatto strada nella sua cerchia sociale. Gli ci sono voluti probabilmente tre anni prima di segnare un primo appuntamento, sorride. È una bella storia.

Ma la famiglia di sua madre disapprovava matrimonio interrazziale e sua madre fu rinnegata. Si è riconciliata con la sua famiglia solo quando Shunmugam aveva 12 anni. Ho incontrato mia nonna per la prima volta quando avevo 12 anni ed è stato molto dolce. Ci guardava e diceva, 'Oh, i tuoi capelli hanno ricci naturali', e noi eravamo tipo 'sì'. È cresciuta nella zona di Taman Tun Dr Ismail ed è stata esposta alla cultura indiana e cinese a casa. Suo padre, un indù convertitosi al cattolicesimo, la portò ai templi indù e alla scuola domenicale. Sua madre, una buddista, la portò nei templi cinesi.

cosa significa 55 nella Bibbia?

Suo padre era severo sul fatto che i bambini avessero buone maniere e parlassero correttamente. Quest'ultimo spiega perché parla in modo eloquente, a paragrafi interi. Andava bene a scuola, era un'atleta di atletica leggera e aveva il cuore di essere mandata all'estero per i suoi studi universitari. Suo padre aveva già avviato un'attività di stampa e grafica, ma la recessione economica della fine degli anni '90 la colpì duramente e i suoi piani all'estero dovettero essere accantonati.

Un post condiviso da Ong Shunmugam (@ongshunmugam) il 18 agosto 2017 alle 7:48 PDT

Ricorda vividamente come l'ha scoperto. Suo padre la stava accompagnando a un lavoro in vacanza quando ha fermato la macchina. Si è rotto e ha detto: 'Mi dispiace così tanto ma non posso finanziare i tuoi studi. Mi dispiace tanto farti questo perché sei sempre stato quello con i voti migliori e io ho sempre voluto il meglio per te, ma non posso dartelo '. Ha nascosto la sua delusione. Nel momento in cui l'ho visto in lacrime, ho semplicemente detto: 'Va bene, papà. Non piangere. Va bene. Farò il mio equivalente di livello A '. Ha fatto bene, ha fatto domanda all'Università Nazionale di Singapore e ha ottenuto una borsa di studio dal Ministero della Pubblica Istruzione per fare legge.

Ha avuto un inizio lento al NUS perché il suo cuore non era in legge e ha trascorso più tempo in attività esterne come il balletto. Ma si è allentata dopo essere stata chiamata per una chiacchierata con le autorità universitarie e ha ricordato che era lì con una borsa di studio. Ha lavorato come avvocato interno presso una compagnia petrolifera e del gas a Jurong per circa un anno. Ma il suo cuore non era in questo e nel 2008 ha deciso di andare in Gran Bretagna per un anno. Era sempre stata interessata alla moda, convincendo sua madre a personalizzare i suoi vestiti. Ha imparato sartoria a Londra e ha trovato la sua vocazione.

Un post condiviso da Ong Shunmugam (@ongshunmugam) il 9 maggio 2017 alle 23:24 PDT

Quando è tornata a Singapore nel 2009, ha iniziato a lavorare per la sua etichetta di abbigliamento femminile nel suo appartamento in affitto a Portsdown con $ 20.000 da amici intimi. Sapeva fin dall'inizio che voleva fare vestiti di alta qualità con sagome e tessuti asiatici. Ha lanciato la sua prima collezione nel 2010. Grazie al passaparola, i suoi vestiti hanno iniziato a vendere e nel giro di un anno è arrivata al pareggio. Nel 2011 ha aperto un atelier nel seminterrato di Hong Leong Building.

Nel giugno dello scorso anno si è trasferita nel suo flagship store a Chip Bee Gardens. Shunmugam, che è una PR di Singapore, è grata per l'aiuto che ha ricevuto da veterani della moda come Tina Tan, Douglas, Odile Benjamin e Wykidd Song. Non mi hanno fatto altro che dare, dice. Le Benjamin, che sono dietro a Raoul, hanno trasmesso attrezzature e strumenti per cucire, e alcune delle sue sarte provenivano dall'etichetta. Tan le ha consigliato dettagli come l'imballaggio.

Un post condiviso da Ong Shunmugam (@ongshunmugam) il 13 aprile 2017 alle 22:41 PDT

come rispondere all'e-mail di onboarding

Le chiedo come farà a difendersi dall'essere un'altra vittima della moda e lei dice che spera che il suo background legale le dia un vantaggio. Cinque anni in giurisprudenza significano cinque anni di perfezionamento mentale, imparare a scrivere, parlare, discutere e abbattere qualcosa di veramente difficile. Fa anche affidamento sulla sua convinzione che l'alta qualità venderà e anche che i suoi modelli siano unici. Devi portare qualcosa sulla scena. Devi avere il tuo vocabolario. Altrimenti, stai solo ripetendo ciò che gli altri hanno detto prima. È stata contattata dagli investitori nel 2015 ma, dopo aver ricevuto consulenza finanziaria, ha deciso che era troppo presto per far entrare qualcuno. Possiede il 100% dell'etichetta.

Mentre finiamo gli ultimi turbinii di gelato , racconta come è andata in vacanza per la sua prima vera vacanza in sette anni quest'anno. Ha trascorso due settimane a Londra. È stato molto bello, ad essere onesti. Non sentivo di aver perso il lavoro, non mi sentivo in colpa.

Shunmugam, che è attaccata, vede un futuro ancora coinvolto nell'attività, ma sarebbe felice di cedere un po 'di controllo e dedicare più tempo alla sua vita personale . I suoi genitori vivono in Malesia. Gli ultimi sette anni sono stati molto faticosi per me. Voglio dire, quattro ore a notte non sono salutari, dice.

Un post condiviso da Ong Shunmugam (@ongshunmugam) il 15 marzo 2017 alle 21:24 PDT

Avevo in testa che ero disposto a scambiare 10 anni buoni per farlo decollare, ma sapevo che avrei messo piede a un certo punto. L'ultima cosa che vorrei fare è guardare indietro alla mia vita e vedere un senso di equilibrio sproporzionato.

Per il bene dei suoi fedeli clienti, tuttavia, possano a lungo essere disponibili sugli scaffali i modelli intelligenti, sfacciati e distinti di Ong Shunmugam.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su The Straits Times.